Prestiti subito a cattivi pagatori: come ottenerli, spiegazione, consigli utili

Indice dei contenuti

Il prestito per cattivi pagatori e la possibilità di accedere alla liquidità.

Nella situazione economica odierna, il prestito è uno di principali strumenti per poter attingere a una liquidità anche per i cattivi pagatori. Grazie ad esso sarà possibile sottoscrivere un contratto con una banca o con un istituto di credito per potere ottenere una somma di denaro, subito e disporne a proprio beneficio. In questo modo sarà possibile affrontare per esempio una spesa improvvisa o una visita medica senza intaccare le proprie finanze.

Fino a poco tempo fa per coloro che erano considerati cattivi pagatori dalle banche e dalle finanziarie veniva preclusa tale opportunità. Oggi le cose sono cambiate e anche i cattivi pagatori possono avere di nuovo la possibilità di ricevere un finanziamento. Ma cosa c’è di diverso? Quali sono le condizioni che permettono a una banca o a una finanziaria di concedere la liquidità? Di seguito andremo ad analizzare alcuni aspetti.

Chi sono i cattivi pagatori? La spiegazione del sistema di segnalazione

Prima di andare ad analizzare come ottenere un prestito per cattivi pagatori è importante definire il concetto di cattivo pagatore, la segnalazione da parte delle banche e perché tale dicitura influenza un istituito di credito nel concedere un finanziamento.

Il termine stesso “cattivo pagatore” ci fa comprendere che vi è stata una situazione di difficoltà pregressa in base alla quale non si è riuscito a far fronte a un pagamento. In questo caso le problematiche devono riguardare un prestito o un mutuo. In base alla normativa interbancaria moderna, il cattivo pagatore viene considerato il soggetto che non è riuscito a fronte in maniera tempestiva al pagamento di due rate

Il concetto di tempestivo identifica che alla scadenza della rata si hanno un massimo di quindici giorni per poterla adempiere. Nel caso in cui il pagamento vada al di fuori di questa tempistica e il numero di rate sono due, allora scatta la segnalazione. L’informazione rimane nei sistemi anche se successivamente si effettua il pagamento per un periodo di tempo che va dai 12 ai 24 mesi.

Il prestito infatti si basa su un concetto di fiducia collegato al fatto che la banca ha concesso la liquidità perché si è dimostrata la capacità di restituire il denaro. Nel momento in cui viene meno tale presupposto e quindi non si riesce a pagare la rata nella scadenza stabilita, il debitore viene identificato come cattivo pagatore per tutelare il sistema bancario.

La centrale rischi interbancaria: la limitazione dei prestiti

La segnalazione come cattivo pagatore viene immessa nella CR ovvero la Centrali Rischi interbancaria e nel Sistema di Informazioni creditizie che ingloba vari sistemi come il SIC la CRIF e IL CERVED.

Quando si effettua la richiesta di un mutuo o di un finanziamento anche in uno sportello differente da quello della propria banca, automaticamente scatta la segnalazione. Il fine secondo il sistema bancario è quello di tutelare il sistema stesso, segnalando che un soggetto è inadempiente e che quindi non è un buon cliente: da questo la dicitura cattivo pagatore.

Ovviamente nel momento in cui una finanziaria si trova innanzi a questa segnalazione potrà decidere di non continuare la pratica di finanziamento e quindi di non concludere il contratto di prestito. Negli ultimi anni però vi sono molti istituti di credito che anche con la segnalazione di cattivo pagatore, permettono la concessione del prestito se vi sono delle valide garanzie.

Come ottenere un prestito in caso di segnalazione al Crif
Le garanzie necessaire

Per prima cosa sarà importante trovare la banca e le finanziarie che permettono di effettuare tale tipologie di prestiti. Come specificato non tutte accettano i cattivi pagatori. Quindi prima di poter presentare la documentazione richiesta sarà necessario informarsi in anticipo sulle possibilità di ottenere il finanziamento. In questo il Web può essere molto utile, dato che sono presenti siti in cui sarà possibile effettuare una ricerca specifica indicando che si è avuta una segnalazione come cattivo pagatore.
Ma come ottenere un prestito con delle garanzie aggiuntive?

Prestito con cessione del quinto dello stipendio

Anche se avete mancato al pagamento di due rate, si potrà ottenere il prestito ponendo come garanzia il vostro stipendio. In questo caso si sottoscriverà un finanziamento particolare che prende il nome di prestito con il quinto dello stipendio, in base al quale la rata verrà prelevata direttamente dal cedolino nel momento in cui viene effettuato il pagamento. I soldi quindi non transitano sul proprio conto corrente ma il pagamento di ciò che è dovuto alla banca è diretto. L’importo massimo che può essere impiegato è pari a un quinto del valore netto dello stipendio.

Prestito con cessione del quinto della pensione

La medesima garanzia vale anche nel caso in cui si ha diritto a una pensione INPS o ex INPDAP. In questo caso si otterrà il prestito abbastanza velocemente una volta verificati i dati pensionistici. Anche in questo caso l’importo verrà percepito direttamente dalla somma della pensione, senza transitare per il conto corrente e potrà corrispondere a un massimo del quinto dell’importo netto.

Prestito cambiario

Altra soluzione può essere quella di sottoscrivere una serie di cambiali che ricoprono le singole rate del prestito oppure l’intero importo. In questo caso, come titolo al portatore, le cambiali potranno essere utilizzate dalla banca o dalla finanziaria come garanzia nel caso in cui non venga effettuato il pagamento. Il titolo offre l’opportunità al creditore di effettuare un’azione legale con il pignoramento sui beni del debitore. Non sempre però questa tipologia di garanzia viene accettata dalle banche, dato che i costi del pignoramento e le azioni legali possono essere molto lunghe.

Prestito con fideiussore

Il fideiussore è un soggetto che svolgerà la funzione di garante al momento della sottoscrizione del prestito. Ciò vuol dire che in caso in cui il debitore non riuscirà ad adempiere al pagamento della rata, sarà egli stesso responsabile per il pagamento. Il garante verrà accettato solo se la sua posizione bancaria è impeccabile senza quindi nessuna segnalazione alla centrale rischi interbancaria.

Consigli utili per ottenere un prestito. Alcune accortezze

Durante la propria vita finanziaria, può capitare di incorrere in una situazione di difficoltà. Potrebbero essere utili seguire alcuni consigli.
In primo luogo se richiedete un nuovo prestito è importante essere sicuri di adempiere alle rate. Può essere utile a questo fine accantonare una somma pari a due importi in modo che in caso di difficoltà non si incorre nella segnalazione.
Inoltre se per esempio, sono rimaste scoperte due rate di un vecchio prestito, potrebbe essere molto utile effettuare il pagamento in modo da vedere cancellato nel giro di 12 mesi il nome tra i cattivi pagatori.