Prestiti subito online senza busta paga: come fare per ottenerli

Indice dei contenuti

Negli ultimi tempi si parla spesso di prestiti ottenuti subito e senza busta paga. In una situazione economica particolare in cui i bilanci personali e quelle delle famiglie a volte non bastano per raggiungere la fine del mese, tale prospettiva sembra essere una valida soluzione a diverse problematiche. Un esempio è quello in cui si presenta una spesa non prevista, come può essere una visita medica necessaria, l’acquisto di un elettrodomestico oppure la manutenzione di un’auto. Ma cosa vuol dire ottenere un prestito senza busta paga? Quali sono le sue caratteristiche? E come fare per ottenerli nella maniera più rapida possibile? In questo articolo andremo ad evidenziare i singoli aspetti di un prestito senza busta paga. E soprattutto: ESISTONO DAVVERO?

Cosa sono i prestiti senza busta paga: il concetto di prestito e garanzie

Un prestito è un contratto tra due soggetti, con il quale il debitore chiede al creditore di ricevere una somma di denaro che restituirà dopo un certo periodo versando delle rate stabilite al momento dell’accordo. Fino a pochi anni fa, per ottenerlo era necessario fornire a una banca o una finanziaria una serie di garanzie che permettesse di dimostrare la capacità del debitore di restituire la somma richiesta e di pagare in modo puntuale le singole rate.

Per questo i prestiti venivano concessi solo a particolari tipologie di soggetti che avevano disponibilità di busta paga oppure di un cedolino pensionistico. Per le casalinghe, studenti, disoccupati, lavoratori autonomi e liberi professionisti, accedere a un finanziamento era una realtà molto complessa e la maggioranza delle richieste veniva rifiutata.

Negli ultimi tempi con la situazione di instabilità economica si è avuto anche un cambiamento per quanto riguarda le garanzie richieste a fini di un prestito, accettando anche le richieste di coloro che non avevano un cedolino pensionistico, oppure un contratto: nascono i prestiti senza busta paga.

Come fare a ottenere un prestito senza busta paga: le garanzie e la sicurezza del creditore

È importante a questo punto considerare un aspetto fondamentale, ovvero anche se vengono elargiti prestiti senza la presenza di determinate garanzie, come nel caso della busta paga, questo non significa che non ne siano previste. Infatti una banca, un privato o una finanziaria concederà il denaro, solo se dimostrerà da parte del debitore la sua capacità di poter restituire la somma richiesta.

Ciò oggi può avvenire con la presenza di una garanzia differente da quella prevista dallo stipendio e dalla pensione. Ma come ottenere quindi un prestito senza busta paga?
Le possibilità sono diverse ma si deve fare una distinzione tra la possibilità di dimostrare la presenza di un reddito e quella in cui non è presente una fonte economica certa.

I prestiti senza busta paga con reddito

Nel caso in cui la richiesta di un prestito senza busta paga è effettuata da lavoratori autonomi, oppure da un imprenditore, sarà possibile fornire alla banca la dichiarazione dei redditi o i bilanci della società al fine di dimostrare la propria capacità di restituire la somma richiesta e quindi di far fronte alle rate mensili. In questo caso i tempi saranno leggermente più lunghi dato che il finanziatore dovrà effettuare i relativi controlli relativa alla capacità reddituale del soggetto o dell’azienda.
Inoltre come forma di garanzia possono essere utilizzate anche rendite alternative che comunque fanno reddito, come nel caso di fitti immobiliari.

Come ottenere i prestiti con garanzie alternative

Nel caso in cui non sarà possibile dimostrare un reddito certo e continuativo, alternativo a quello della busta paga, sarà comunque possibile ricevere un prestito veloce, utilizzando forme di garanzie differenti:

  • garante o fideiussore: si potrà far avvallare il prestito da un soggetto che ha delle garanzie come per esempio uno stipendio. Il garante quindi diventa responsabile del finanziamento e nel caso in cui non si ha la possibilità di pagare quanto stabilito, sarà responsabile al posto del debitore innanzi alla banca. Ovviamente il garante dovrà avere dei requisiti specifici;
  • cambiali: altra forma di garanzia è quella di sottoscrivere al momento del prestito delle cambiali per l’ammontare del finanziamento o delle singole rate. Come titolo riconosciuto e ufficiale la cambiale offre la possibilità al creditore di intervenire con un’azione di pignoramento nei confronti del debitore nel caso di mancato pagamento. Non è uno strumento molto apprezzato dalle banche e dalle finanziarie per la difficoltà dell’atto di pignoramento dei beni. Per questo spesso i prestiti senza busta paga cambializzati non vengono accettati, oppure si chiede anche un garante;
  • ipoteca: se si è in possesso di un bene immobiliare, lo si potrà utilizzare per accendere ipoteca come forma di garanzia. Anche in questo caso non tutte le banche permettono di poter effettuare tale forma di prestito in particolare se le somme richieste sono molto esigue, dato che l’eventuale vendita all’asta, in caso di mancato pagamento, è una procedura complessa, lunga e dispendiosa;
  • altri beni: in caso in cui si è in possesso di beni di valore, come per esempio oro, gioielli, oppure oggetti d’arte di valore, alcuni creditori privati permettono di utilizzare questi elementi come forma di garanzia al prestito.

I consigli per ottenere i prestiti: come avere maggiori possibilità di acquisire il prestito

Il prestito senza busta paga è una realtà possibile, ma non tutte le finanziare e le banche lo concedono. Per questo è molto importante seguire una serie di passi che diano una possibilità più ampia di ottenere questa tipologia di prestito.
In primo luogo è fondamentale avere una storia bancaria che sia senza intoppi o incidenti, come per esempio protesti, oppure ritardi di pagamenti per altri prestiti. Può essere vantaggioso che non siano presenti altri finanziamenti che possano quindi determinare il rifiuto da parte della finanziaria per l’esposizione debitoria eccessiva.

Nel caso in cui si sceglie di far sottoscrivere il prestito a un garante, si deve valutare con attenzione la figura che si presterà. Se non volete che la vostra pratica sia rifiutata il fideiussore infatti deve essere un soggetto che ha una storia bancaria valida e senza iscrizione per esempio all’ufficio protesti o al Crif bancario.
Inoltre valutate con attenzione quale sia l’offerta da parte di una banca o di una finanziaria per ciò che concerne il Taeg, e il Tan in modo da non dover restituire una somma troppo elevata alla fine del prestito.

Alcune considerazioni

Il prestito senza busta paga è qualcosa che è possibile realizzare anche subito dopo la consegna dei documenti appropriati e la firma delle giuste garanzie. È importante considerare che è un prestito a tutti gli effetti che implica degli obblighi ben precisi da parte del debitore. Quindi prima di sottoscriverlo è fondamentale avere la certezza di poter restituire le rate onde evitare conseguenze legali che possono essere spiacevoli per le vostre finanze e per il futuro.